Il parto

Il parto avviene solitamente di notte e dura dai dieci ai trenta minuti, ma non è del tutto insolito che alcuni piaccoli non nascano per parecchie ore, o persino giorni, dopo. La madre potrebbe mandare segnali che il parto è imminente: tra questi il riassettare frenetico del nido e una generale sensazione di irrequietezza.
Se siete presenti alla nascita, è importante che non interferiate. Se la madre dovesse subire degli stress durante questa fase, potrebbe rifiutare i piccoli-si sono registrati casi estremi in cui la coniglia ha mangiato i nuovi nati.
Ciascuno dei coniglietti nasce con la placenta, che verrà poi mangiata dalla madre. Dopo che questa li avrà puliti leccandoli, essi dovrebbero immediatamente cominciare a succhiare il latte dalla madre. Se dovesse rimanere qualche brandello di placenta, rimuovetelo.
In genere il parto avviene senza problemi, ma ci sono alcune complicazioni alla nascita che dovete tenere presenti. Se notate alcuni dei seguenti segni, consultate immediatamente il veterinario.
Abbondante sanguinamento.
La madre non riesce a rialzarsi o appare debole.
La coniglia si sforza di partorire, ma dopo parecchie ore non è successo niente.
Solo un paio di piccoli sono stati espulsi, ma la coniglia continua a sforzarsi di partorire per parecchie ore.
Durante la fase di espulzione, un piccolo rimane bloccato.
Ciascuna delle suddette complicanze potrebbero richiedere un intervento immediato, per cui avrete bisogno di un parere medico.

E’ possibile che, anche se siete sicuri di trovarvi di fronte a una gravidanza, non vediate dei piccoli. Per quanto possa sembrare strano, ci sono spiegazioni:

La prima è il cannibalismo;

Il secondo è un fenomeno, non del tutto insolito in questo animale, del riassorbimento. Esso si verifica quando uno o più dei piccoli in gestazione muore nell’utero e viene riassorbito dal corpo della madre. Le cause possono essere di origine ambientale, ad esempio una dieta insufficiente, ma di fatto si tratta di un evento che rientra nella normalità. Alcuni esperti ritengono che addirittura la metà dei feti venga solitamente riassorbita, ed è possibile che lo siano anche tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to comments via RSS Feed

Pagine

Categorie

Link

Meta

Calendario

aprile: 2014
L M M G V S D
« set    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Most Recent Posts

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: